CONDIZIONI DI GUIDA PARTICOLARMENTE DIFFICILI | Media Citroën Italia

CONDIZIONI DI GUIDA PARTICOLARMENTE DIFFICILI

download-pdf
download-image
download-all
Mer, 31/10/2018 - 08:30

Stéphane Lefebvre e Gabin Moreau, partiti molto bene ma subito passati al Rally 2, hanno sfruttato le condizioni eccezionalmente avverse del weekend del Rally di Spagna per effettuare una sessione di prove in situazione di gara.



Vista la necessità di gareggiare su terra e su asfalto, l’ultimo rally in programma per la C3 R5 sembrava la sfida definitiva. Stéphane Lefebvre, pilota ufficiale del Marchio, l’aveva iniziato nel modo migliore, conquistando un secondo tempo a solo tre decimi dallo scratch della prima speciale (PS 2). Ma nella crono successiva, una pietra ha danneggiato un elemento della sospensione e l’ha obbligato al ritiro. Simone Tempestini, ingaggiato come pilota privato, si è rivelato il miglior rappresentante del Double Chevron il primo giorno, posizionandosi ottavo nella categoria. Sabato è andata ancora meglio, su un asfalto variabile dall’umido scivoloso al completamente bagnato: si è posizionato sesto, appena dietro all’ex campione del mondo 2003 Petter Solberg, a dimostrazione del livello di concorrenza di questo weekend, quando è sfortunatamente uscito di strada nell’ultima vera speciale della tappa. Nel frattempo Stéphane Lefebvre, rientrato nel Rally 2, si è distinto in questo stesso settore cronometrato facendo un quarto tempo, concentrandosi in particolare sull’ottimizzazione delle regolazioni della sua vettura alla ricerca del massimo della performance. Fino ad ora, le prove non avevano mai permesso di valutare simili variazioni del livello di aderenza. Mentre Stéphane raccoglieva informazioni preziose per il futuro, raggiungendo il traguardo in quindicesima posizione, un altro pilota privato, d’Ole Christian Veiby, ha dimostrato la semplicità di utilizzo della C3 R5 conquistando la quarta posizione domenica nella PS 15, a soli 2’’3 dal miglior tempo. Anche lui vincolato al Rally 2 in seguito a un problema elettrico, il norvegese è stato il miglior pilota C3 R5, classificandosi in nona posizione nel WRC2.

HANNO DETTO

Pierre Budar, Direttore di Citroën Racing

“Stéphane aveva iniziato bene ed è ovviamente un peccato che sia finito fuori dai giochi così presto. Ci ha però permesso di valutare alcune cose interessanti. Dobbiamo ancora lavorare, e dobbiamo approfondire alcuni aspetti per migliorare ancora, ma questo era anche lo scopo del programma relativo alle prove più esigenti al mondo”.

Stéphane Lefebvre

“Purtroppo è stato un weekend frustrante per noi. Dopo aver preso un buon ritmo sulla terra, la nostra prestazione è durata poco. Da qui in poi, abbiamo approfittato delle rimanenti speciali sull’asfalto per eseguire delle prove utili per il futuro, senza prenderci rischi eccessivi, viste le condizioni di guida particolarmente difficili”.

 

Scroll